Tag Archives: software libero

LinuxDay 2013: Innovazione. Di tutti. Per Tutti.

Linux Day 2013

Linux Day 2013Anche quest’anno si rinnova la tradizione dell’Italian Linux Society per promuovere il Software Libero in Italia.

Nella sua tredicesima edizione il Linux Day 2013 si terrà il 26 ottobre in molte città italiane e vedrà coinvolte parecchie persone nella realizzazione di incontri, mostre e rassegne che avranno come unico soggetto il Software Libero!

Indagine Linux e FOSS in Italia a cura del Linux Professional Institute

LPI-Italia-logo

LPI-Italia-logoLa sede italiana del Linux Professional Institute ha da poco lanciato un’indagine per analizzare il mondo dei servizi e delle soluzioni in ambito Linux e FOSS in nel nostro Paese.

L’indagine in corso è rivolta a Liberi Professionisti, Aziende, Pubbliche Amministrazioni, Università, Organizzazioni Non Governative ed Associazioni che offrono servizi utilizzando Linux e Software Libero ed Open Source (FOSS).

Ubuntu Spyware: cosa si può fare?

Il Software Libero è una questione di libertà, non di prezzo. La libertà è quella che ha l’utente nell’eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Risulta evidente quindi che la comunità del software libero fa sì che gli utenti siano tutelati e protetti in vari modi e possano disporre di qualcosa di assolutamente libero e incontaminato.

Ci sono a volte “scivoloni” anche nel mondo del software libero e nel corso dello sviluppo di un progetto succede che ci siano ripensamentile “filosofici” con la riscrittura di alcune regole fondamentali. Parliamo di Ubuntu GNU/Linux, che è diventato un esempio da non seguire per la comunità del software libero.

Ubuntu, come ben evidenzia Richard Stallman nell’articolo che segnalo più avanti, utilizza le informazioni degli utenti (ricerche che vengono effettuate sui bisogni o sugli interessi del momento) per tentare di convincere lo stesso utente a comprare su Amazon.

Perché (secondo me) una pubblica amministrazione dovrebbe usare il Software Libero

La Pubblica Amministrazione è un bene pubblico e come tale merita il meglio, ma non sempre il meglio è quello che costa di più o di meno o che è piu lustro o opaco… il meglio, per una pubblica amministrazione, è quello che dà il massimo ed il meglio possibile a tutti i cittadini (compatibilmente alle disponibilità economiche).

Leggendo il pezzo del Sig. Agostino Sella che scrive sul suo blog un articolo dal titolo Software Libero? Bello! Ma…. ed essendomi più volte definito un Software Libre Evangelist, e come fruitore e produttore di Software Libero, non posso esimermi dal rispondere alle sue osservazioni, senza però scendere nel particolare del suo Comune (di cui ignoro la realtà) ma cercando di fare un ragionamento più ampio. Che poi è la cosa che mi interessa di più.

Premetto subito che la mia visione del Software Libero è più allineata a quella di Torvalds, invece che quella di Stallman, quindi non si scandalizzino troppo i duri-e-puri(TM) del Software Libero! :)

Boot criptato: GPL e proprietà intellettuale

tecnoworkshop2012 logo

tecnoworkshop2012 logo

All’interno del TecnoWorkshop Firenze2012 presenterò un talk tecnico/pratico dal titolo «Boot criptato: GPL e proprietà intellettuale».

Mageia Linux 2.0 e il nuovo mirror italiano

Cresce il Progetto MAGEIA Linux, dopo l’uscita della nuova release 2.0 nel Maggio scorso, da qualche tempo è finalmente attivo anche un nuovo Mirror italiano, grazie alla disponibilità della rete GARR.

Con il nuovo mirror italiano il download dei pacchetti e gli aggiornamenti è più veloce rispetto al passato (quando erano pochi i mirror ufficiali nel mondo): la nuova distro derivata da un fork della storica e più conosciuta Mandriva Linux (ex Mandrake) ha avviato una nuova fase con numerosi miglioramenti introdotti con Mageia 2.0, in vista dell’uscita l’anno prossimo della futura relase 3.0 (nella primavera 2013): è in corso anche il porting del s.o, anche per CPU ARM (questo permetterebbe in futuro il supporto di dispositivi Tablet o schede Raspberry PI tanto per fare un’esempio).

Mandriva Linux comunque non è stata a guardare e pur dall’esterno, essendo la società Mandriva indipendente dal progetto Mageia, ha dichiarato nelle ultime settimane di volersi avvalere di Mageia Linux come piattaforma tecnica-base per lo sviluppo delle prossime release “Business Server“, dei propri prodotti commerciali: in Mandriva è attualmente in corso una ristrutturazione dopo le varie difficoltà finanziarie avute negli ultimi 2-3 anni.

F-Droid, e il FOSS su Android è servito!

F-Droid

F-DroidCome Software Libre Evangelist mi son spesso trovato ad incoraggiare l’uso del software libero sui PC dei miei amici e colleghi, ma come possessore di un smartphone Android (il GS2, per l’esattezza – n.d.a.) mi son trovato spesso in difficoltà perché molte app, seppur gratis, non son certo libere!

Ma ecco che da poco (mea culpa) ho scoperto F-Droid! Cioè un market alternativo dove poter trovare solo e soltanto FOSS, e cioè software libero.

In una parola: FANTASTICO!

Software Libero negli Uffici Pubblici

Una correzione alla manovra finanziaria del governo Monti prevede che negli uffici pubblici sarà introdotto l’impiego di “software libero“, per ridurre i costi della pubblica amministrazione. È stato approvato, infatti, in commissione Bilancio e Finanze della Camera, un emendamento che obbliga le Pubbliche Amministrazioni a valutare l’uso di software libero nei loro bandi di gara.

Molti parlano di una modifica storica del codice dell’amministrazione digitale. Per la prima volta si riconosce nel nostro ordinamento la necessità per le pubbliche amministrazioni di tenere in  considerazione non solo l’economicità ma anche l’impatto che il software stesso ha sulla nostra società.

Questo emendamento potrebbe spingere sull’acceleratore dello sviluppo dell’ICT anche in Italia, muovendosi verso la “liberalizzazione” di un settore, dove troppo spesso la chiusura di conoscenze tecniche e scientifiche è un freno per l’innovazione e per l’entrata nel mercato di nuovi soggetti. Una società sempre più tecnolgica deve crescere anche dal punto di vista dei diritti fondamentali dei cittadini e delle imprese che vogliono innovare.

L’adozione di software libero, per questo motivo, può avere delle ricadute profonde anche sulla maggiore libertà dello scambio dei contenuti immateriali, sulla libera circolazione della conoscenza, del know-how e piu’ in generale delle informazioni.

Seminario TossLab su Innovazione PMI e Enti Locali

Si è tenuto lo scorso 1 Dicembre a Pisa presso la Sala Consiliare della Provincia il Seminario TossLab dal titolo “Innovare le PMI e gli Enti Locali. Il ruolo strategico dell’Open Source“, evento che ha visto la partecipazione di vari rappresentati dei soggetti pubblici e privati che fanno parte di questa associazione (Tosslab è acronimo di Tuscany Open Source Software Laboratory) che ha sede nel Polo Tecnologico di Navacchio (PISA), un’associazione per la promozione del software libero nella Regione Toscana.

La Provincia di Pisa è da tempo impegnata nella promozione dell’Open-Source nella Pubblica Amministrazione e nelle imprese locali, l’ open-source è infatti un importante strumento per facilitare l’innovazione per le piccole e medie imprese della zona.

T-OssLab nasce nel 2008 come Centro di Competenza da un protocollo d’intesa tra 4 soggetti: Regione Toscana, Provincia di Pisa, Polo Tecnologico e Università di Pisa e si evolve poi in associazione aperta a tutti i soggetti finali interessati, rappresentando un modello di collegamento tra piccola impresa e pubblica amministrazione locale.

La missione di T-OssLab è infatti la promozione dello sviluppo e l’utilizzo del software libero, dell’Open Source e dei formati aperti, la promozione di relazioni tra realtà imprenditoriali e pubblica amministrazione, la messa in relazione tra domanda di innovazione e offerta di tecnologica.

Software libero e informatica consapevole a OpenMind 2011

Si è svolta la sesta edizione di Open Mind. Una settimana di eventi organizzata dall’omonima Associazione come “Community” di esperti.

Fin dal 2005, OpenMind promuove in collaborazione con l’Amministrazione Comunale della Città di San Giorgio a Cremano, seminari di approfondimento sul tema del software libero e l’informatica consapevole. Nella splendida cornice di Villa Vannucchi, la sesta edizione ha visto la partecipazione di numerosi giovani e studenti, oltre che di professionisti di diverse attività, in un modo o nell’altro, legati ai temi affrontati.

Come dare una nuova vita a pc dismessi è stato l’argomento che ha portato decine di bambini a familiarizzare con vecchie schede di PC, recuperate per farne strumenti di creazioni artistiche. Le opere, frutto del recupero e del riciclo creativo, sono esposte nella mostra permanente “Trashwart” a cura del laboratorio TiRecupero.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi