Tag Archives: Linux

Mageia 3 si avvicina! Online la RC

Si avvicinano i tempi per l’uscita della release 3.0 di MAGEIA, il progetto alternativo a Mandriva Linux, creato da una comunità indipendente e sostenuto a livello organizzativo da un’associazione no-profit parigina.

Negli ultimi giorni è stata rilasciata la RC (release candidate), liberamente scaricabile in formato ISO nelle versioni DVD a 32 e 64 bit e nelle versioni masterizzabili su CD, come già avvenuto in passato per le prime 2 release.

Zentyal SBE: uno Small Business Server basato su Ubuntu

Zentyal SBE (Small Business Edition) è un interessante progetto software basato sulla distribuzione Ubuntu, che può considerarsi l’alternativa Linux – OpenSource al prodotto commerciale SBS (Small Business Server) di Microsoft.

E’ un prodotto adatto anche per le piccole reti LAN (dove si vuol installare e gestire uno o più server) ed è disponibile in tre diverse versioni: Community Edition (completamente gratuita), Small Business Edition (a pagamento con supporto fino a 25 utenti) e la Enterprise Edition (sempre a pagamento – utenti illimitati e altre funzioni avanzate), le due versioni a pagamento sono ufficialmente supportate da Ubuntu, in caso di abbonamento annuale vi sono sconti (2 mesi omaggio).

I moduli software di Zentyal SBE permettono di gestire completamente i principali servizi indispensabili anche su una rete mista (Windows e Linux): VPN, Proxy-Firewall, Condivisione di File e Stampanti, Web Server, Server FTP, Telefonia VOIP.

Grub2: ripristino di Grub da live-cd

Può succedere che GRUB2, per svariate cause non si avvii più, rendendo inservibile il nostro sistema operativo Debian (o altri sistemi operativi GNU/Linux installati nell’hard disk).

Una delle cause principali di tutto questo è per esempio il voler installare anche Windows in un altra partizione dell’hard disk successivamente ad una installazione GNU/Linux.

Altre volte GRUB2 si può rompere per smanettamenti maldestri o per aggiornamenti sbagliati…

La procedura di ripristino si basa sull’utilizzo del live-cd di Ubuntu LTS (come per esempio il cd di 12.04 LTS).

Storie di kernel e microkernel

Ken Brown, della fondazione Alexis de Tocqueville Institution, sosteneva, in un suo studio di alcuni anni fa che Linux non è altro che una copia mal riuscita di Minix. Ovviamente questa affermazione è priva di fondamento e lo stesso Tanenbaum replicò che tutto  questo è falso.

Circa trenta anni fa, alla fine degli anni settanta, per acquistare una licenza Unix occorrevano più di 40.000 dollari e anche le università, sebbene usufruissero di forti sconti, dovevano spendere non meno di 7.000/8.000 dollari.

Questa è stata una delle ragioni principali che hanno indotto il professor Andrew Tanenbaum a scrivere Minix, in modo che i suoi studenti avessero a disposizione un qualcosa su cui studiare e mettere in pratica il suo libro di testo, compatibile con Unix ma senza licenza da pagare.

Debian (armhf) su BeagleBone

beaglebone

beagleboneIn questo articolo faremo una breve prova su strada della nuova nata in casa BeagleBoard.org, la BeagleBone, installandoci su una Debian Wheezy (armhf).

La scheda è interessante perché supporta una nuova CPU super-scalar ARM Cortex-A8 (armv7a) a 720MHz con la quale è possibile usare il nuovo supporto ARM Hard Float (indicato con armhf). Inoltre a bordo ci sono diverse periferiche accessibili dal connettore d’espansione che la rendono molto versatile.

Le periferiche subiro accessibili sono: 1xUSB device (per la console), 1x USB host, 1x Ethernet e 1x microSD; mentre sul connettore di espansione ci sono 2x I2C, 5x UART, I2S, SPI, CAN, 66x 3.3V GPIO e 7x ADC.

Come prova su strada farò vedere come installare una distribuzione Debian su questa scheda ricompilandosi il bootloader e il kernel ed installando un rootfs minimale.

Emacs: tabbar-mode

Una cosa utilissima presente negli editor (ma anche nei browser web) è quella di poter aprire una serie di documenti non in nuove pagine ma in schede o tab.

Rimanendo nella categoria degli editor, un ottimo esempio è dato da Geany (chiamarlo editor è molto riduttivo e improprio). Anche Emacs dispone all’occorrenza di una tab bar, comodissima quando si devono aprire più file contemporaneamente (questa necessità è più frequente di quanto si possa immaginare).

Ubuntu Spyware: cosa si può fare?

Il Software Libero è una questione di libertà, non di prezzo. La libertà è quella che ha l’utente nell’eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Risulta evidente quindi che la comunità del software libero fa sì che gli utenti siano tutelati e protetti in vari modi e possano disporre di qualcosa di assolutamente libero e incontaminato.

Ci sono a volte “scivoloni” anche nel mondo del software libero e nel corso dello sviluppo di un progetto succede che ci siano ripensamentile “filosofici” con la riscrittura di alcune regole fondamentali. Parliamo di Ubuntu GNU/Linux, che è diventato un esempio da non seguire per la comunità del software libero.

Ubuntu, come ben evidenzia Richard Stallman nell’articolo che segnalo più avanti, utilizza le informazioni degli utenti (ricerche che vengono effettuate sui bisogni o sugli interessi del momento) per tentare di convincere lo stesso utente a comprare su Amazon.

Spotify sbarca in Italia e anche Linux

spotify

spotify

Spotify è arrivato anche in Italia da poco più di una settimana e finalmente si può ascoltare musica direttamente sul PC senza dover ricorre a mezzi illegali o acquistare mp3 dalle piattaforme online.

Tutto bello, ma su Linux? Niente paura hanno pensato anche a noi… si usa wine e per i sistemi Debian-like ci sono i repository da aggiungere.

Ok, proviamola…

Velocizzare la compilazione di Linux

Lavorando con sistemi embedded di diversa natura mi capita spessissimo di dover ricompilare il kernel Linux; una operazione che, di per se, necessita di parecchio tempo.

I PC di ultima generazione, che si usano come sistemi host sui quali gira il cross-compilatore, hanno in genere più di un core e quindi perché non sfruttare la compilazione parallela che make ci mette a disposizione per velocizzare l’operazione?

Riuscire infatti a ricompilare il kernel più velocemente per diminuire i tempi morti che si hanno durante lo sviluppo di un sistema embedded (e chi fa il mio mestiera sa quanto tempo si perde se si deve ricompilare spesso il kernel) è sicuramente importante!

Vediamo allora di trovare una regoletta generale per ricompilare il kernel il più velocemente possibile sfruttando al massimo le risorse del nostro PC di lavoro.

Linutop OS 5: ancora innovazioni!

Linutop OS 5.0

Linutop OS 5.0

Annunciata a Settembre scorso dal produttore parigino LINUTOP, la nuova release 5.0 di questo sistema operativo ha introdotto nuove funzionalità multimediali avanzate.

Una nuova interfaccia grafica XFCE basata su Ubuntu 12.04, nuovi pacchetti software aggiuntivi e un aggiornamento dei drivers Linux e dei principali pacchetti base per l’utilizzo Internet e Home-Office (come VLC, Firefox, e LibreOffice).

Il tutto in un sistema operativo snello (dai 500 ai 700 mb circa) adatto per l’installazione sui propri dispositivi Linux-embedded (i Linutop PC di cui ho trattato in passato nei miei articoli) ma lasciando la compatibilità anche con un comune PC con hardware x86 compatibile (essendo una distribuzione basata su Ubuntu Linux). 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi