Ingegnere, ma quanto mi costa!?

Essendo un ingegnere libero professionista mi trovo molto spesso a dover fare preventivi (cosa molto comune peraltro a qualunque tipo di libero prefessionista) e sempre più spesso mi viene fatto notare che le mie tariffe sarebbero alte… premesso che, molto probabilmente, chi mi fa notare questo ha ragione, vorrei però qui fare un’analisi obiettiva di quello che c’è all’interno di una tariffa professionale e che il cliente molto spesso non vede in modo da far capire bene a cosa si va in contro (dal punto di vista retributivo) a chi fa (o si accinge a fare) il mio mestiere.

Naturalmente quello che dirò si applica ad un ingegnere libero professionista iscritto ad Inarcassa (la cassa di previdenza di Architetti ed Ingegneri) ma credo che con piccole modifiche si possa adattare anche ad altre figure professionali.

Bene, vediamo allora nel dettaglio da cosa è composta una parcella considerando un totale di 100,00€; cioè quello che il cliente paga al professionista.

Su di un totale di 100,00€ si ha subito una ritenuta di acconto del 20%, percui io non prendo 100,00€ ma bensì 84,12€ (il così detto netto a pagare). Il cliente quindi non mi paga 100,00€ ma solo 84,12€ perché i 15,88€ li verserà direttamente allo Stato.

Ma vediamo quali sono le voci che compongono i 100,00€:

Imponibile: ………………….    79,47
Cassa Mutua Ordine Ingegneri 4%: .     3,18
Subtotale preavviso di notula: …    82,65
IVA 21% ……………………..    17,36
Totale preavviso di notula: ……   100,01
Ritenuta d’acconto 20% ………..    15.89
Netto a pagare ……………….    84.12

l’imponibile è quello che il libero professionista (quindi io) guadagno effettivamente, il resto sono solo tasse… cioè quello che io incasso per conto dello Stato: c’è il 4% della Cassa Mutua (Inarcassa) e l’IVA, che da poco è passata dal 20% al 21%. Per cui voi pagate 100 ed io incasso circa 80.

«Non male!» si potrebbe dire, ma vi ricordo la ritenuta d’acconto, per cui io incasso ancora meno: 79,47€-15,89€=63,58€ per l’esattezza… e non finisce qui. Inarcassa, oltre al 4% a carico del cliente (ma che rientra comunque nel totale del preventivo) vuole l’11,5% sul fatturato imponibile (che passerà al 14,4% nel 2013), quindi con un calcolo semplicistico possiamo dire che da quei 63,58€ dovrei togliere altri 9,00€ circa e passare quindi a (più o meno) 54,00€.

Se consideriamo i 100 di partenza direi che ci abbiamo tolto una bella fetta. Ah! Dimenticavo… poi ci dovete mettere il conguaglio delle tasse; infatti dovete sapere che il 20% di ritenuta d’acconto è solo un acconto di queste ultime!

C’è ancora qualcuno che pensa che guadagno tanto?

Su Rodolfo Giometti

Ingegnere informatico libero professionista ed esperto GNU/Linux offre supporto per: - device drivers; - sistemi embedded; - sviluppo applicazioni industriali per controllo automatico e monitoraggio remoto; - corsi di formazione dedicati. Manutentore del progetto LinuxPPS (il sottosistema Pulse Per Second di Linux) contribuisce attivamente allo sviluppo del kernel Linux con diverse patch riguardanti varie applicazioni del kernel e dispositivi (switch, fisici di rete, RTC, USB, I2C, network, ecc.). Nei 15+ anni di esperienza su Linux ha lavorato con le piattaforme x86, ARM, MIPS & PowerPC.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi