Google +1: il «nemico» del «mi piace» di Facebook

Google Plus One

Google Plus OneIl tanto atteso nemico del “mi piace” targato Facebook è arrivato, il colosso dei motori di ricerca Google lancia “Google +1“, un pulsante che ben presto sarà presente in tutti i siti internet viste le sue peculiarità. Vediamolo con la lente…

“Google +1” è disponibile per tutti, naturalmente per integralo bisogna poter gestire il proprio sito, e tra le sue caratteristiche fondamentali troviamo la condivisione del sito visitato e la possibilità di assegnare una valutazione utile a Google per le SERP (search engine results page) conosciuto da tutti i web master.

Sembra essere veramente utile questo pulsante, soprattutto per il traffico che potrebbe generare nel nostro sito, quindi più visitatori e più successo… ma vediamo come integralo.

L’integrazione del pulstante è semplicissima, basta inserire il codice generato mediante la pagina messa a disposizione dalla stessa Google qui, fra i tag della nostra home e successivamente inserire il codice seguente nella posizione dove visualizzre il pulsante “Google +1”:

Presto lo vedremo anche sul nostro portale Consulenti ICT Italia.

Fin qui abbiamo descritto l’utilizzo nei siti web, a fianco del “mi piace”, ma per vederlo nelle ricerche di google dobbiamo utilizzare il portale www.google.com e avere un account, successivamente attivare l’opzione qui ed effettuare una ricerca, troveremo il pulsante +1 subito dopo il link. Personalmente ho testato il tutto sul mio sito web ed effettivamente è visibile nelle ricerche, osservate l’immagine sottostante.

google_plus_one_in_serp


Su Rodolfo Giometti

Ingegnere informatico libero professionista ed esperto GNU/Linux offre supporto per: - device drivers; - sistemi embedded; - sviluppo applicazioni industriali per controllo automatico e monitoraggio remoto; - corsi di formazione dedicati. Manutentore del progetto LinuxPPS (il sottosistema Pulse Per Second di Linux) contribuisce attivamente allo sviluppo del kernel Linux con diverse patch riguardanti varie applicazioni del kernel e dispositivi (switch, fisici di rete, RTC, USB, I2C, network, ecc.). Nei 15+ anni di esperienza su Linux ha lavorato con le piattaforme x86, ARM, MIPS & PowerPC.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi