Professionisti & Consulenti ICT - Italia - Il portale dei Professionisti dell'ICT

Professionisti & Consulenti ICT - Italia

Il portale dei Professionisti & Consulenti ICT Italiani! Leggi tutto »

 

Happy Hour della Tecnica e della Scienza – ed. 2014

Manifesto Happy Hour della Tecnica e della Scienza - 2014

Il prossimo venerdì 9 e sabato 10 maggio si terrà all’ITIS G.Marconi di Pontedera (PI) la quarta edizione dell’Happy Hour della Tecnica e della Scienza dove  studenti, organizzati in piccoli gruppi, illustreranno ai compagni, ai genitori e al pubblico che interverrà alla manifestazione, il materiale prodotto durante le attività didattiche sviluppate presso i laboratori e le aule della scuola.

Parallelamente si svolgeranno numerose conferenze, incontri, percorsi culturali e laboratori tenuti dai docenti della scuola e da esperti esterni.

Oops!? Il Portale è cambiato!

Professionisti & Consulenti ICT - Italia

Ve ne sarete accorti no? Il Portale è cambiato!

Purtroppo negli ultimi tempi il codice di Joomla che utilizzavamo era diventato molto instabile e prono ad attacchi di tutti i tipi e quindi, nostro malgrado, abbiamo dovuto prima mettere il sito in manutenzione e poi decidere di passare a WordPress.

Nel passaggio abbiamo cercato di mantenere quante più funzionalità possibile del vecchio sito ma purtroppo qualcosa è rimasto indietro… primo fra tutti l’Elenco de Professionisti & Consulenti ICT! Ci scusiamo del disagio ma per il momento il servizio rimarrà sospeso fino a che non troveremo una soluzione accettabile da implementare in WordPress. Rimane valida però la possibilità di mettersi in evidenza nel nostro portale scrivendo articoli!

Corso di prototipazione rapida su sistema GNU/Linux

Corso Multiverso

L’11 maggio 2014 si terrà presso le strutture di Multiverso a Firenze un corso pratico di una giornata sulle tecniche di prototipazione rapida per sistemi GNU/Linux embedded, il tutto utilizzando una scheda Cosino Mega 2560 developer edition compresa nel prezzo!

Il corso si propone, hardware alla mano, di dare dei concetti di base sulla programmazione GNU/Linux embedded volti alla prototipazione rapida.

Quando il cliente complica il lavoro del consulente…

Recentemente sono intervenuto presso una Piccola-Media-Impresa che lamentava problemi legati alla loro rete LAN, trovando una situazione critica pregressa dove alcuni PC accedevano al Server tramite una non robusta connessione Wireless oltre che contemporaneamente alla rete Internet, in particolare il cliente lamentava problemi a seguito della sostituzione gratuita del proprio modem-router avvenuta tramite il tecnico di zona inviato dal proprio provider Internet (solo per l’installazione e assistenza sul nuovo apparato).

Il cliente ha contattato me dopo aver fatto prove “fai da te” sul funzionamento del segnale wireless e l’accesso alle cartelle condivise sul Server: io ho trovato una situazione evidente di scarsa valutazione della sicurezza informatica da parte dell’impresa che ha banalizzato l’impianto LAN condividendo un’unica connessione wireless sui vari pc, oltre all’anomalia di trovare un Server non dotato di software antivirus, un altro errore evidente.

Conservazione sostitutiva: le nuove regole.

La protocollazione e la conservazione dei documenti informatici hanno ora nuove regole. Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.59 del 12 marzo 2014 entrano in vigore le regole tecniche stabilite lo scorso 3 dicembre, inserite nei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Per quanto riguarda il protocollo informatico si tratta della modifica al DPCM 31 ottobre 2000. Era già previsto che la trasmissione dei documenti avvenisse mediante l’utilizzo della posta elettronica, ora può avvenire anche attraverso la PEC o in cooperazione applicativa basata sul Sistema Pubblico di Connettività e sul Sistema Pubblico di Cooperazione.

Facendo riferimento, invece, alla deliberazione CNIPA n. 11/2004, è stato introdotto il concetto di “sistema di conservazione” atto ad assicurare la conservazione a norma di legge dei documenti elettronici e la disponibilità dei fascicoli informatici. Con le modifiche apportate si stabiliscono finalmente le regole, le procedure, le tecnologie e i modelli organizzativi da adottare per la gestione di tali processi.

Le nuove regole tecniche per la protocollazione e la conservazione dei documenti informatici s’inseriscono nel contesto delle attività di semplificazione e innovazione in favore dei procedimenti amministrativi. Molto spesso, l’applicazione delle regole precedenti ha portato ad alcuni equivoci operativi, nonché ad un’errata interpretazione della conservazione sostitutiva. 

Dal dato singolo, all’informazione riservata. Privacy: un bel problema per le banche.

La banche avevano trenta mesi, ormai ne rimangono poco più di 3, per organizzarsi tecnicamente e trovare e mettere in piedi una soluzione tecnologica che abbia come scopo tutelare i propri clienti rispetto al trattamento illegittimo dei dati personali.

Mai come in questo momento, in un settore specifico come quello bancario nasce e si fa sentire sempre più importante la problematica alla protezione dei dati ma anche e soprattutto la protezione dei dati visti nella loro riservatezza.

E ciò sta portando alla luce non poche attività relative a controversie in questo settore, controversie civili, ma molto spesso gli utenti anche allo scopo di essere più veloci nel giudizio, portano i procedimenti denuncia direttamente davanti all’autorità del Garante.

Da tempo portiamo avanti una campagna di sensibilizzazione sui termini della privacy e da tempo insistiamo che a volte, anzi spesso, un insieme di dati anche non sottoposti a tutela diventano riservati se l’uso finale che ne viene fatto non è conforme alle norme.

Integrazione di Skype in Outlook

L’acquisizione di Skype da parte di Microsoft avvenuta nel 2011 continua a portare nuovi servizi all’utenza mondiale. Accedendo tramite web al proprio account su Outlook.com, ciascun utente ha la possibilità di chattare, chiamare e videochiamare i propri contatti Skype senza dover lasciare l’inbox.

Microsoft ha annunciato ufficialmente che il servizio sarà disponibile per tutti, e non solo  per gli utenti di Stati Uniti, Inghilterra, Canada, Germania, Francia e Brasile che lo hanno già sperimentato.

Per usufruire dell’integrazione di Skype in Outlook.com, gli utenti devono collegare il proprio account Skype a quello di Microsoft in modo da poter aggiungere i contatti Skype a quelli di Outlook.com e scaricare e installare un apposito plugin che consente di abilitare l’integrazione del servizio.

OpenID Connect Standard. Riparte il cloud?

Che il mondo cloud, da sempre, non decolli anche a causa delle non chiare tecnologie e responsabilità che vi girano attorno è ormai una affermazione riconosciuta da tutti.

Ed è su queste affermazioni che prende forma e sostanza OpenID Connect Standar un protocollo per garantire una gestione trasparente e sicura delle autenticazioni sia agli utenti che alle aziende e ai siti interessati ad adottare la nuova tecnologia.

Il tutto è opera della OpenID Foundation che ha annunciato la nascita di questo standard che ha come scopo quello di classificare, mettere insieme e gestire le connessioni autenticate esistenti sul web.

Purtroppo, dietro questa idea si è subito mosso il mercato e quindi invece di fare dello standard un punto di partenza, altre aziende si stanno muovendo per creare il loro standard sulle autenticazioni, ed è quindi prevedibile che sarà il caos, anche perché alcune delle filosofie messe in campo sono anche in “guerra” fra di loro.

Cimatti, Bitcoin Foudation Italia: “Il terremoto MtGox passerà, gli utenti devono studiare”

bitcoins--638x366

[Pubblicato da Smartmoney - StartupItalia!]

Il caos attuale è secondo me dovuto a una cattiva informazione da parte dei media. MtGox (qui la ricostruzione dei problemi delle ultime ore) nel cuore della comunità era già da tempo considerato a rischio, sconsigliato, già dall’inizio del 2013.

Non è solo un problema solo italiano, ma diffuso anche al livello internazionale. ”Mtgox il re del Bitcoin”, “La banca dei Bitcoin”, “Il centro dei Bitcoin”. Titoli e contenuti come questi si sono trovati sulla maggior parte delle testate giornalistiche, dove le notizie venivano riportate e copiate da altre fonti senza mai andare nel dettaglio.

Pubblicato «Noi Italia» studio specifico redatto dall’ISTAT

E’ stato pubblicato “Noi Italia” arrivato ormai alla sesta edizione fotografa in modo chiaro e statistico il nostro paese.

Per chi non lo conoscesse “Noi Italia” è un rapporto pubblicato dall”ISTAT con le 100 maggiori statistiche che hanno lo scopo di illustrare, spiegare e capire il nostro paese, registrando analizzando matematicamente e riportando sotto statistiche appunto una fotografia aggiornata sulle abitudini italiane legate anche al digitale, argomento sul quale scontiamo un ritardo notevole.

Diciamo subito che se vi aspettate di trovare una nazione digitale questa non è l’Italia che già in merito all’utilizzo di internet si posiziona al 90 posto dopo paese come Portogallo e Cipro. Volendo vedere solo la classifica e il suo dato statistico l’Italia non solo non è in zona medaglia ma si trova addirittura al di sotto delle migliori aspettative rispetto alla media europea.